Perchè Pedigree Aperto - Allevamento gatti British shorthair e Scottish fold & straight

Allevamento amatoriale di British shorthair
e Scottish fold e straight
Vai ai contenuti

Menu principale:

Perchè Pedigree Aperto

***AGGIORNAMENTO AGOSTO 2017*** Come ci aspettavamo il nostro sito ha infastidito alcuni allevatori della "Casta", nonostante la posizione rispetto al pedigree aperto del nostro allevamento sia quella indicata dal MIPAAF (Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali). In particolare, un allevatore di scottish della Lombardia, sta dedicando gran parte del suo tempo a diffamarci su alcune pagine di facebook, soprattutto  una che sfrutta il nome di una delle più importanti associazioni feline italiane ma che in verità è un fake. (lo stesso presidente ci ha confermato via mail di non avere nulla a che fare con quella pagina e di aver consultato dei legali in merito). Abbiamo già dato mandato al nostro avvocato di procedere legamente. Invitiamo pertanto a diffidare di post diffamatori e a contattarci direttamente. Per maggior info :

____________________________________________________________________________________________________

La scelta di chiamare il nostro sito Pedigree Aperto è stata dettata  dalla difficoltà iniziale che abbiamo avuto nel trovare allevatori  disposti a cedere gatti in questa modalità. Cercando di capire perché e se ci fossero delle regole, abbiamo scoperto, come direbbe Shakespeare, che " c'è del marcio in Danimarca".
Ma andiamo con ordine: Cos' è un pedigree? I  pedigree sono la certificazione dell'albero genealogico del gatto e  della sua corretta appartenenza da molte generazioni a quella razza e  recentemente, certificano anche l'assenza di alcuni geni portatori di  patologie come per esempio, per le nostre razze, l'assenza del gene del  PKD (rene policistico). Cosa è un pedigree aperto o chiuso? (NFB): I pedigree possono essere rilasciati nella modalità "normale" cioè "aperto" oppure nella modalità "Chiuso" cioè con la condizione del NFB (not for Breeding).  I pedigree aperti permettono a quell'esemplare in caso di riproduzione  di chiedere i pedigree anche per i cuccioli che nasceranno. I  pedigree Not For Breeding e cioè non da riproduzione (detti anche  chiusi o da compagnia) invece riconoscono soltanto a quell'esemplare il  pedigree ma eventuali cucciolate non saranno riconosciute dagli enti  autorizzati al rilascio del pedigree. Ora la domanda nasce spontanea: Chi decide se il pedigree è aperto o chiuso? E' su questo punto che abbiamo scoperto una situazione che seppur legale in Italia riteniamo eticamente molto scorretta.

Le  associazioni autorizzate al rilascio del pedigree possono emettere la  clausula del not for breeding solo ed esclusivamente per queste  casistiche:
a) difetti generali per tutte le razze riconducibili a  difetti trasmissibili alla prole (ad esempio un nodino rigido sulla  punta della coda)
b) difetti da squalifica per tutte le razze  riconducibili a difetti trasmissibili alla prole (ad esempio un colore  di occhi non ammesso per quella razza)
c) In presenza di malattie genetiche certificate (ad es PKD etc etc)

Ma quindi un gatto senza difetti e malattie ha sempre un pedigree aperto? NO  ....e qui viene il bello: In italia cedendo un bene (e gli animali sono  considerati un bene) si possono stipulare dei contratti di cessione o  scritture private ponendo delle clausole sull' "utilizzo di quel bene" e  indovinate la maggior parte degli allevatori quale clausola vi  obbligherà a sottoscrivere?... La non possibilità di quel gatto  di riprodursi con l'obbligo di procedere, ovviamente a vostre spese,  alla sua sterilizzazione! Ripetiamo  che la cosa è legale ma a noi la scelta etica ci appare discutibile  anche perchè le risposte che abbiamo collezionato ci portano a pensare  che ovviamente l'interesse non sia, come molti vi diranno, di tutela del  gatto... (a noi sembra tutela dell'allevatore dalla possibile concorrenza!) qui alcune risposte collezionate:

1) L'allevatore extraterritoriale: "Io non cedo pedigree da riproduzione in Italia"....
2)  L'allevatore delirante: "IL NFB NON VIENE DATO SOLO QUANDO IL CUCCIOLO  HA DIFETTI GENETICI, MA ANCHE QUANDO L'ALLEVATORE NON HA PIACERE CHE  TUTTO IL SUO LAVORO DI SELEZIONE, VADA SPARSO COME LETAME"
3)  L'allevatore Imperatore: "noi allevatori abbiamo la facoltà di decretare  o meno la idoneità alla riproduzione dei nostri soggetti"
4)  L'allevatore della casta chiusa: "Non cediamo cuccioli da riproduzione  se non ad allevatori di comprovata esperienza e con i quali condividiamo  metodologie allevatoriali".

Noi abbiamo deciso di  offrire, in prima battuta, sempre un pedigree aperto e solo dopo  confronto con chi deciderà di prendere uno dei nostri cuccioli, valutare  di comune accordo un pedigree da compagnia o chiuso.

Allevamento amatoriale di British shorthair e scottish fold & straight. Operiamo a Milano Roma e Madrid
Torna ai contenuti | Torna al menu